534) Storia di Sara

Ciao Veronica
mi chiamo Sara, ed ho deciso di portare nel tuo blog anche la mia testimonianza dopo aver letto i tuoi splenidi libri!
Il mio rapporto con l’endometriosi penso sia iniziato nel 2004,ma penso di averla avuta dentro di me sin dalla mia prima mestruazione che è arrivata all’età di 9 anni!Ogni mese le mie mestruazioni erano alquanto dolorose, ma tutti mi dicevano che erano i dolori delle donne e mi trattenevo dal lamentarmi perchè credevo che tutte soffrissero come me!
Penso che con l’andare degli anni sia stata abbastanza “silenziosa”apparte durante il ciclo che li i dolori c’erano sempre ,ma sai con pillole varie e anelli vaginali solo a scopo contraccetivo non si è fatta sentire in altri modi!
Nel 2004 però qualcosa dentro di me iniziò a cambiare!Iniziarono dolori lancinanti allo stomaco e iniziarono le mie corse al pronto soccorso per flebo antidolorifici!
Tutto questo durò un anno,mi prescrissero la gastroscopia,ma il risultato fu che ero sana come un pesce,aumentando sempre di piu’ il mio sconforto perchè era impossibile che non ci fosse niente con tutti quei dolori! Successivamente visita dal chirurgo per sospetta appendicite,ma il chirurgo mi disse seccato:”signorina si prenda una tisana è solo stressata!!”e io gli risposi:” dottore la tisana se la prenda lei!!”
Il tutto si “risolse”con un’intolleranza alimentare e iniziai a stare meglio togliendo certi alimenti ma ma dopo 6 mesi,iniziò il mio calvario!
Ho fatto 4 “coliche renali”cosi diagnosticate ma senza nessun calcolo il tutto nel giro di 2 anni, un blocco renale durato 48 ore (senza fare pipi),cistiti varie e non sto qui a spiegare i dolori lancinanti che mi hanno accompagnata e avendo un negozio di parrucchiera, mi imbottivo e mi imbottisco tutt’ora di antidolorifici per poter lavorare cmq a denti stretti!
Prima mezza diagnosi 15 dicembre 2010,il mio ginecologo mi guarda e mi dice:”Sara c’è qualcosa che non va, credo sia una ciste endometriosica di 5 cm”, con un fiorire di fibromi che solo l’anno prima non c’erano!
Ho iniziato da li tutti i miei accertamenti, rettoscopia ,risonanza magnetica,ca-125,ma niente dava quello che il mio ginecologo vedeva!Mi fece visitare da un suo amico-collega e anche lui confermò la sua diagnosi,si consultarono e il 28 marzo 20011 ho fatto una biopsia in anestesia totale per confermare la loro diagnosi!ENDOMETRIOSI SETTO-RETTO VAGINALE INFILTRANTE!
Il 23 maggio visita in un centro specializzato a verona, il primario mi visita e mi dice che la mia vagina è infiltrata e bisognerà asportarne un pezzo e forse un pò di retto, ma finche non mi opera non sa fin dove è arrivata la malattia!
Ultimo ciclo devastante,sangue anche dietro penso sia infiltrato anche il retto,manca un mese al mio interventoe non vedo l’ora di vedere la “stronza” fin dove è arrivata!
SCusate se sono stata un po lunga ma avevo bisogno di sfogarmi con qualcuno che sa quello che sto provando!Grazie per ascoltarmi!
Un abbraccio a tutte voi e in particolare a te Veronica! un bacio Sara.

Ciao Sara, quindi a breve avrai l’intervento a Verona?
Non perdere di vista l’obbiettivo finale cara. L’intervento servirà a farti star meglio, stringi i denti ora e vai avanti. E’ dura lo so, ma dobbiamo assolutamente credere che la nostra vita non sarà sempre così, ma che potremo stare meglio, facendo quello che stai facendo tu, ovvero rivolgendoci a centri d’eccellenza.
Mi piacerebbe conoscere l’indirizzo del tuo ex dottore. Vorrei mandargli un pacco da 10 kg di tisane!
Un bacione
Vero

4 pensieri su “534) Storia di Sara”

  1. Ciao Sara,
    mi spiace davvero tanto che anche tu abbia dovuto passare il calvario di tante di noi. L’importante è che ora tu riesca ad affrontare con serenità l’intervento che ti aspetta. Ti sentirai frustrata, ti sentirai arrabbiata….tanto arrabbiata, ti sentirai stanca, ma sappi che un giorno riuscirai a guardare l’endometriosi in faccia e capirai che quello sarà il momento in cui avrai accettato questa situazione. Questo non è un modo per subire passivamente la malattia, assolutamente no, ma purtroppo ho imparato a mie spese che più cerchi di darle contro, più cerchi di non accettare che “lei” c’è e peggio stai. Si può ritrovare la serenità, te lo dico sinceramente e con il cuore.Forza cara.

  2. grazie cara per il tuo sostegno… non voglio abbattermi e non voglio arrendermi… infatti come ho scritto anche nella mia storia non vedo l’ora di fare l’intervento per vedere fino a che punto è arrivata e guardarla in faccia… solo che non sempre è cosi semplice anche perchè con il lavoro che faccio oltre che a stare in piedi devi sempre avere il sorriso anche quando ti viene da spaccare tutto!!

  3. Cara SAra, un anno fa io ero in attesa dell’operazione, presso Negrar dove penso sei in cura anche tu. Vedrai che ti faranno stare meglio, mi sono trovata benissimo e dopo l’intervento non ho più avuto problemi… tano che ora sono incinta! Leggi la mia storia, è la n. 531! Un forte abbraccio.

I commenti sono chiusi.